Gnocchi di patate – storia e ricetta

Gnocchi di patate – storia e ricetta

Gnocchi di patate – storia e ricetta
5 (100%) 3 votes

Gli gnocchi sono un primo estremamente diffuso non solo in Italia ma in molti paesi del mondo, che a seconda della tradizione, vengono preparati in maniera differente sia per forma che per ingredienti.
L’unica cosa che li accomuna è la forma tondeggiante e il sistema di cottura; ovvero bolliti in acqua o brodo.

La Storia

Gli gnocchi sono un cibo antichissimo preparati inizialmente con farine di vario tipo (frumento, riso) o addirittura con pane secco o mollica di pane. Venivano poi aggiunte verdure di vario tipo che ne cambiavano il colore.

I primi gnocchi comparvero in alcuni banchetti rinascimentali del capoluogo lombardo, dove venivano preparati con mollica di pane, latte e mandorle tritate e prendevano il nome di zanzarelli.

Nel seicento vennero chiamati malfatti e cambiò anche la sua preparazione diventando più semplice: farina, acqua e uova.

Dopo l’arrivo della patata in Europa (in Spagna intorno al 1560), e grazie alla suo sapore e alla sua consistenza, verso la fine del 1800 si diffusero ovunque gli gnocchi di patate, e piano piano le versioni più antiche, finirono per essere dimenticate.

Preparazione

La pasta degli gnocchi si fa miscelando patate lessate e schiacciate con lo schiacciapatate e la farina.
Di norma per 4 persone le dosi sono le seguenti:

  • 1 Kg di patate gialle (le migliori sono quelle di Avezzano) da lessare e schiacciare.
  • 300 g di farina 00
  • 1 Uovo medio
  • Sale q.b.

Più si impasta la pasta, più lo gnocco risulterà duro. E’ importante perciò sapere preparare l’impasto per il giusto tempo per ottenere la giusta consistenza.

Curiosità

Il detto “ridi, ridi che mamma ha fatto li gnocchi” è un antico detto romano, dove gli gnocchi venivano consumati di giovedì come piatto tradizionale, ed era considerato un piatto succulento che faceva felici tutti e specialmente i bambini.

Nel nord Italia una versione degli gnocchi chiamati canèderli vengono serviti come primo e sono fatti con pane raffermo, cipolla, speck, farina, uova più altre spezie. La loro dimensione è più simile ad una grossa polpetta che ad uno gnocco.

Lascia un commento

Chiudi il menu